IndicePortaleGalleriaRegistratiAccedi
...Il telaio di Penelope
Bottone
contenuti rosa
 
  ConTeNuTi  

  Il mondo delle emozioni

  Oltre

  Pensieri Di Un ventodelnord

  Cotto & Mangiato

  Un Battito D'ali

  Perle Di Sagezza

  Il Mondo Delle Fate

  Album Di Fotine

  Calendario

  Galleria

  YouTube Video

  Polinesia

 Segrate Dove vivo/Sogno

 Banner

 Grafica

 

AUTUNNO

AUTUNNO...
La caduta delle Foglie

Il Autunno, le foglie cadono dagli alberi e le ritroviamo a terra, umide di rugiada al mattino, fruscianti sotto i piedi dopo una bella giornata di sole. Ecco, di tutti i colori; gialle, rosse, verdognole, brune; di tutte le forme, di tutte le grandezze e forme. Nell'autunno l'albero si prepara per il lungo sonno invernale: non assorbe più nutrimento dal terreno e le foglie, a poco poco, ingialliscono a cadono. La caduta delle foglie è provvidenziale, perchè i rami fronzuti si spezzerebbero sotto il peso della neve. La foglia è un piccolo essere, che vive soltanto una stagione; ma la pianta ha il segreto di quella formula e la ripete sempre uguale ogni primavera

Solstizio d'estate 21/24 giugno - S. Giovanni
Mar Giu 21, 2011 7:28 pm Da ventodelnord


Solstizio d'estate 21/24 giugno - S. Giovanni
le lumache, le noci, i falò e la raccolta delle erbe.

E' uno dei sabba minori chiamato anche Festa di S. Giovanni dalla tradizione cattolica. E' il periodo della raccolta delle piante e delle erbe da usare nelle operazioni magiche. Nella notte tra il 23 e il 24 giugno si usa bruciare le vecchie erbe nei falò e andare alla raccolta delle nuove oltre che mettere in atto diversi tipi di pratiche per conoscere il futuro perchè, come dice il detto, " San Giovanni non vuole inganni".

Sin dai tempi più remoti il cambio di direzione che il sole compie, tra il 21 e il 22 giugno, è visto come un momento particolare e magico.
Questo giorno, detto solstizio d'estate, è il primo giorno di una nuova stagione e in magia è associato alla festa di San Giovanni Battista,
http://ventodelnord.forumattivo.com/t1141-solstizio-d-estate-21-24-giugno-s-giovanni#2309
24 giugno, giorno della sua …

Commenti: 0
candele

 Clicca sulla candela

frasi a rotazione
Frase del giorno...


ventodelnord ♥
^_^


La mia anima mi ha parlato,
fratello, e mi ha illuminato.
E spesso anche a te l'anima parla
e ti illumina.
Tu infatti sei come me,
e non c'è differenza tra noi,
se non questa:
io esprimo cio che è dentro di me
in parole che ho udito nel mio silenzio,
mentre tu custodisci tacito
cio' che è dentro di te.
Ma la tua silenziosa custodia
ha lo stesso valore del mio tanto parlare

PREVISIONI
Ultimi argomenti
» Solstizio d'estate 21/24 giugno - S. Giovanni
Mar Giu 21, 2011 7:28 pm Da ventodelnord

»  i resti mummificati di una fata
Mar Mag 24, 2011 5:24 am Da ventodelnord

» SOSPESO il reality di Italia 1 "Uman - Take control"
Mar Mag 10, 2011 12:37 pm Da ventodelnord

» ...
Lun Mag 09, 2011 6:32 am Da ventodelnord

» sviluppi
Ven Mag 06, 2011 11:01 am Da Ospite

» 06-05-2011
Ven Mag 06, 2011 10:00 am Da ventodelnord

» Festa della Mamma
Ven Mag 06, 2011 7:55 am Da ventodelnord

» 05/05/2011
Gio Mag 05, 2011 2:52 pm Da ventodelnord

» L'ultima moda delle star è il piede... nudo
Mar Mag 03, 2011 10:20 am Da ventodelnord


Condividi | 
 

 Champions, Inter da sogno: 3-1

Andare in basso 
AutoreMessaggio
ventodelnord
Amministratore
avatar

Numero di messaggi : 950
Età : 57
Località : MILANO
Data d'iscrizione : 31.10.08

MessaggioTitolo: Champions, Inter da sogno: 3-1   Mer Apr 21, 2010 12:04 pm

Champions, Inter da sogno: 3-1Barcellona distrutto, finale vicina
Un'Inter degna della grande tradizione degli anni '60 travolge il Barcellona a S.Siro e compie un passo fondamentale verso la finale di Champions League. A San Siro finisce 3-1 per i nerazzurri, capaci di non smontarsi dopo il vantaggio dei catalani (Pedro al 19') e di colpire una squadra apparsa molto al di sotto del suo abituale standard. Pari nel primo tempo di Sneijder (30'): poi, micidiale uno-due di Maicon (48') e Milito (61')




LA PARTITA
Dieci minuti, non di più. Tempo oggettivamente necessario per deglutire, rendersi conto che è proprio vero: davanti c'è il Barcellona, tutto intorno San Siro, in ballo c'è una finale di Champions League. Dopodiché, l'Inter ha definitivamente comunicato di candidarsi ufficialmente al ruolo di migliore squadra del mondo battendo nel risultato e soprattutto nel gioco la formazione che occupa, nell'immaginario ranking di tutti, la posizione numero 1. Una prestazione da applausi che l'Inter ha innanzitutto costruito sull'attenzione massima di tutti: pressing e disciplina tattica, pochi fronzoli, straordinaria capacità di identificare le falle del Barcellona e colpire senza pietà.

Basta la prima accelerata, innescata da un pressing altissimo, perché ci si accorga che il Barcellona di Guardiola viaggia, anche in campo, in bus e non sulla consueta Ferrari. I campioni d'Europa ballano soprattutto in mezzo, dove Keita e Busquets coprono male, non contribuiscono in fase di costruzione e non proteggono sulle proiezioni degli esterni. L'Inter attacca, Milito sbaglia: e il Barça, di contro, azzecca il pugno che atterra i nerazzurri. Un colpo duro, preso a causa di un puerile errore difensivo di Maicon, che lascia via libera a Maxwell: palla arretrata e sinistro a colpo sicuro di Pedro. Ma è un fuoco di paglia, e grande è l'Inter a non spaventarsi, a continuare abbassando la testa così totalmente, felicemente cambiata in queste notti europee. Dopo un altro flop in conclusione di Milito, Dani Alves pareggia la sciocchezza di Maicon (Dunga si preoccupi...) lasciando liberissimo Sneijder su una palla gestita da Milito in area: Wesley non sbaglia, è la mezz'ora, e c'è tutto il tempo per tranquillizzarsi, scacciare i fantasmi e costruire il successo.

Operazione che riesce magnificamente nella prima fascia della ripresa. Il riposo, paradossalmente, restituisce un Barcellona in totale tilt. Sarà il bus, forse. Più probabile che sia il Tir Inter, che investe i campioni del Mondo con venti minuti terrificanti, forse la fetta di tempo più impressionante della gestione Mourinho. Il bilancio dell'eruzione interista che trattiene a terra (anzi, sotto), il Barcellona è di due gol (Maicon e Milito, anche se quest'ultimo è viziato dal fuorigioco del Principe) e di almeno altre tre azioni in velocità che, con un pizzico di lucidità, in più, avrebbero potuto completare il massacro. Guardiola applica il bocca a bocca al suo smarrito Barcellona togliendo Ibrahimovic, che, a differenza di molti compagni, nemmeno si batte. Entra Abidal, non una punta: segno che qui, la prima cosa da fare, è mettere gente che corra, che spinga e che abbia fiato e gambe per pedalare all'indietro sui contropiedi interisti. Il Barça si raccatta, e l'Inter offre l'ultima prova di intelligenza della serata non cercando la sfida a mani aperte e correndo, applicandosi fino all'ultimo secondo. Mourinho perde Maicon - via due denti su una gomitata di Messi - e anche Balotelli, che anche in una notte simile riesce a litigare duramente col pubblico (e combinerà guai anche al rientro negli spogliatoi): ma il vento della Coppa spiraa favore e in questo senso vanno letti anche due episodi che sanno di rigore (Sneijder su Dani Alves, Samuel su Pique) che Benquerença ritiene invece di non sanzionare. Mourinho, a parti inverse, darebbe fuori di matto: se lo ricordi a mente fredda, quando finirà di esultare con tutta la sua squadra e la sua gente per un trionfo grande e meritato, per una notte che da queste parti non si viveva da tempo immemore. La Grande Inter sembra tornata su questi schermi: la replica è attesa in terra spagnola. Anzi, diciamo le repliche, dai.



LE PAGELLE

Sneijder 8 Sarà il crapino pelato e lucidissimo (anche al suo interno), ma Wesley il magnifico sembra una pallina del flipper. Con la differenza che non sbatte da nessuna parte, semmai manda a sbattere gente altolocata come Puyol, Piqué, Dani Alves. I suoi terrificanti sprint gli valgono il gol del pari, l'assist del 3-1, ma come sempre è l'intelligenza e la lettura del gioco ad altissima velocità a colpire. Lavora tanto anche in fase difensiva, visto che all'inizio delle azioni altrui va a prendere Xavi e, se la manovra continua, non disdegna di andare a dare una mano a Cambiasso e Motta. Alla fine, è visto inseguire un avversario fin sulla linea di fondo (la sua): impressionante.

Pandev 7,5 Doppia grande sorpresa della notte milanese: perché prima non doveva essere nell'11 iniziale, indi perché cancella nel giro di pochi minuti i dubbi sollevati in occasione delle sue ultime prestazioni di campionato. Sprinta a sinistra mettendo in croce il confuso Dani Alves e il fiatone non va a scapito della qualità: numeri, smarcamenti e lanci di prima, assist a Milito, che si magna il gol. E' il primo a scoppiare e quindi a uscire: tra giusti applausi.

Zanetti 8 Anche dopo 16 anni di Inter, sa benissimo che questa è la notte delle notti: e la vive con un'intensità impressionante. Dani Alves crossa quando lui è costretto ad accentrarsi per seguire i movimenti di Messi: se no, oppone i suoi mattoni e si proietta avanti per ringhiare e pressare insieme a Cambiasso e Motta. Anni 37, non bisogna mai smettere di ricordarlo.

Lucio 6,5 Malamente ispirato dalla sua indole generosa, di combattente, si permette anche contro un simile cliente certe uscite dall'area un po' da tachicardia. Ma è dentro la partita fino al collo, così come Samuel: per informazioni chiedere a Ibrahimovic.

Messi 6 Un po' sara il bus-lag, un po' sarà la perfetta gabbia che Mourinho costruisce con le sbarre Cambiasso-Motta-Sneijder-Zanetti: la fenomenale pulce non fa quasi mai paura al popolone di San Siro. Certo è che, anche senza numeri da Cirque du Soleil, la palla non gliela togli mai: puoi solo limitarlo, come bene ha fatto l'Inter

Busquets 5 Va considerato il miracolato del Barcellona: sorprende che Guardiola preferisca uno di passo lento e foia agonistica scarsina a un muscolare (non privo di piedini) come Yayà Touré. Quasi sempre spettatore sulle veloci ripartenze dell'Inter. Cerca di emendarsi quando la Barça affonda (testa ravvicinata su angolo, grande Julio Cesar), ma non basta per cancellare il nulla precedente.

Ibrahimovic 4 Spianato al secondo 30 da Samuel, decide di ciondolare alla sua maniera là davanti e ripropone la peggiore versione dell'Ibrahimovic delle grandi occasioni (mancate) interiste. Mai un tiro, mai un anticipo o una giocata intelligente. Guardiola, subito dopo il 3-1, lo tira fuori col sangue agli occhi e San Siro, con una bordata di fischi colossale, segna il quarto gol della serata


Andrea Saronni


IL TABELLINO

INTER-BARCELLONA 3-1

Inter (4-2-3-1): Julio Cesar 7; Maicon 7 (27' st Chivu 6), Lucio 6,5, Samuel 7,5, J.Zanetti 8; Cambiasso 7, T.Motta 6; Eto'o 6,5, Sneijder 8, Pandev 7,5 (11' st Stankovic 6,5); D.Milito 7 (30' st Balotelli 5,5). A disposizione: Orlandoni, Cordoba, Materazzi, Muntari. All.: Mourinho
Barcellona (4-3-3): Valdes 6; Dani Alves 5, Pique 6, Puyol 5,5, Maxwell 6; Xavi 5,5, Busquets 5, Keita 4,5; Pedro 6,5, Ibrahimovic 4 (17' st Abidal 5,5), Messi 6. A disposizione: Pinto, G.Milito, Jeffren, Y.Touré, Bojan, Henry. All.: Guardiola

Arbitro: Benquerença (Portogallo)

Marcatori: 19' Pedro (B); 30' Sneijder (I); 3' st Maicon (I); 16' st Milito (I)

Ammoniti: Eto'o (I), Busquets (B), Puyol (B), Pique (B), Keita (B), Stankovic (I), Dani Alves (B)


20 aprile 201023:12

_________________
Tu mi saresti mancato... anche se non ti avessi mai incontrato.



Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://ventodelnord.forumattivo.com
 
Champions, Inter da sogno: 3-1
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» B&B il mio sogno da realizzare
» Ciao, sogno di studiare al KTH
» un sogno chiamato Svezia....
» Diversamente Svezia
» Sogno di aprire un B&B, ma tutti mi dicono che è una follia.

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: ONDA :: Sport & Passioni :: Calcio-
Vai verso: