IndicePortaleGalleriaRegistratiAccedi
...Il telaio di Penelope
Bottone
contenuti rosa
 
  ConTeNuTi  

  Il mondo delle emozioni

  Oltre

  Pensieri Di Un ventodelnord

  Cotto & Mangiato

  Un Battito D'ali

  Perle Di Sagezza

  Il Mondo Delle Fate

  Album Di Fotine

  Calendario

  Galleria

  YouTube Video

  Polinesia

 Segrate Dove vivo/Sogno

 Banner

 Grafica

 

AUTUNNO

AUTUNNO...
La caduta delle Foglie

Il Autunno, le foglie cadono dagli alberi e le ritroviamo a terra, umide di rugiada al mattino, fruscianti sotto i piedi dopo una bella giornata di sole. Ecco, di tutti i colori; gialle, rosse, verdognole, brune; di tutte le forme, di tutte le grandezze e forme. Nell'autunno l'albero si prepara per il lungo sonno invernale: non assorbe più nutrimento dal terreno e le foglie, a poco poco, ingialliscono a cadono. La caduta delle foglie è provvidenziale, perchè i rami fronzuti si spezzerebbero sotto il peso della neve. La foglia è un piccolo essere, che vive soltanto una stagione; ma la pianta ha il segreto di quella formula e la ripete sempre uguale ogni primavera

Solstizio d'estate 21/24 giugno - S. Giovanni
Mar Giu 21, 2011 7:28 pm Da ventodelnord


Solstizio d'estate 21/24 giugno - S. Giovanni
le lumache, le noci, i falò e la raccolta delle erbe.

E' uno dei sabba minori chiamato anche Festa di S. Giovanni dalla tradizione cattolica. E' il periodo della raccolta delle piante e delle erbe da usare nelle operazioni magiche. Nella notte tra il 23 e il 24 giugno si usa bruciare le vecchie erbe nei falò e andare alla raccolta delle nuove oltre che mettere in atto diversi tipi di pratiche per conoscere il futuro perchè, come dice il detto, " San Giovanni non vuole inganni".

Sin dai tempi più remoti il cambio di direzione che il sole compie, tra il 21 e il 22 giugno, è visto come un momento particolare e magico.
Questo giorno, detto solstizio d'estate, è il primo giorno di una nuova stagione e in magia è associato alla festa di San Giovanni Battista,
http://ventodelnord.forumattivo.com/t1141-solstizio-d-estate-21-24-giugno-s-giovanni#2309
24 giugno, giorno della sua …

Commenti: 0
candele

 Clicca sulla candela

frasi a rotazione
Frase del giorno...


ventodelnord ♥
^_^


La mia anima mi ha parlato,
fratello, e mi ha illuminato.
E spesso anche a te l'anima parla
e ti illumina.
Tu infatti sei come me,
e non c'è differenza tra noi,
se non questa:
io esprimo cio che è dentro di me
in parole che ho udito nel mio silenzio,
mentre tu custodisci tacito
cio' che è dentro di te.
Ma la tua silenziosa custodia
ha lo stesso valore del mio tanto parlare

PREVISIONI
Ultimi argomenti
» Solstizio d'estate 21/24 giugno - S. Giovanni
Mar Giu 21, 2011 7:28 pm Da ventodelnord

»  i resti mummificati di una fata
Mar Mag 24, 2011 5:24 am Da ventodelnord

» SOSPESO il reality di Italia 1 "Uman - Take control"
Mar Mag 10, 2011 12:37 pm Da ventodelnord

» ...
Lun Mag 09, 2011 6:32 am Da ventodelnord

» sviluppi
Ven Mag 06, 2011 11:01 am Da Ospite

» 06-05-2011
Ven Mag 06, 2011 10:00 am Da ventodelnord

» Festa della Mamma
Ven Mag 06, 2011 7:55 am Da ventodelnord

» 05/05/2011
Gio Mag 05, 2011 2:52 pm Da ventodelnord

» L'ultima moda delle star è il piede... nudo
Mar Mag 03, 2011 10:20 am Da ventodelnord


Condividi | 
 

 un post a tavola

Andare in basso 
AutoreMessaggio
FavolaAntica

avatar

Numero di messaggi : 464
Località : INESISTENTE
Data d'iscrizione : 03.11.08

MessaggioTitolo: un post a tavola   Mar Mar 30, 2010 1:09 pm

Tagliatelle in bianco



Ingredienti
PER LA PASTA FRESCA
Farina di semola g 250; Farina 00 g 250; Uova intere 4 ; Tuorlo d’uovo g 60
PER IL BRODO DI GREGORIANO
Formaggio di pecora Gregoriano di Scanno g 500; Acqua l 1t; Erba nepetella fresca 1 mazzetto; Pepe qb

Utensili
Chitarra da pasta; Colino cinese o telo di lino; Mattarello; Pellicola da cucina; Setaccio; Spianatoia

Preparazione

1. Per la pasta fresca, su una spianatoia disponete a fontana le farine setacciate;
al centro rompete le uova intere, aggiungete i tuorli e sbattete con una forchetta,
incorporando via via la farina circostante. Lavorate a mano l’impasto
con energia per circa 15-20 minuti, finché acquisterà una consistenza compatta
ma morbida. Dividetelo in panetti, coprite con pellicola da cucina e fate
riposare al fresco per 30 minuti. Passato questo tempo, con un matterello infarinato tirate la pasta a una sfoglia sottile su un piano di legno e tagliatela in rettangoli di circa 60 per 20 cm;
poneteli, uno alla volta, sulla chitarra da pasta, quindi passatevi sopra il matterello,
così da formare le tagliatelle. Allargartele su un telo infarinato e fatele asciugare bene per 6-7 ore.
2. Per il brodo di Gregoriano, versate l’acqua e il formaggio ridotto a tocchetti
in una pentola, portate a bollore, abbassate la fiamma e lasciate ridurre per più
di 1 ora, fino a ottenere 300 g di liquido. Quindi filtratelo con un colino cinese
o un telo di lino.
3. Sbollentate le tagliatelle, per pochi istanti, in acqua salata, scolatele velocemente
e continuatene la cottura in una padella per 3-4 minuti nel brodo di Gregoriano.

Finitura
Quando la pasta avrà assorbito il brodo di formaggio, fuori dal fuoco, amalgamate
la nepetella sminuzzata con le mani e spolverate con del pepe macinato
al momento. Servite subito in un piatto caldo.

Risotto acido di pecora con piselli e maggiorana


Ingredienti
Riso Carnaroli g 320; Acqua g 500; Formaggio di pecora Gregoriano di Scanno g 250; Piselli freschi g 200; Amido di riso g 10; Acqua g 100; Sale qb

PER GUARNIRE
Maggiorana in foglie g 10


Utensili: Casseruola di rame; Colino cinese o telo di lino

Preparazione

1. Tagliate a dadini il formaggio, tuffatelo in una pentola con l’acqua fredda,
portate a ebollizione e lasciate andare per 10 minuti a fiamma moderata.
Spegnete e filtrate il brodo ottenuto con un colino cinese o un telo di lino.
2. Aprite i baccelli e sgranate i piselli, sbollentateli per pochi minuti e raffreddateli
immediatamente in acqua ghiacciata; poi privateli della buccia
esterna e teneteli da parte.
3. In una casseruola di rame tostate il riso a secco per un paio di minuti, quindi
portatelo a cottura, bagnandolo con il brodo di formaggio per 13-15 minuti.
Finitura
A cottura ultimata, fuori dal fuoco, regolate di sale, amalgamate i piselli e
mantecate con l’amido di riso precedentemente sciolto in acqua fredda fino a
densità cremosa. Servite guarnendo ogni piatto con foglie intere di maggiorana.


Guancia di vitello al pomodoro con insalata di patate e cime di rapa


Ingredienti

PER L’INSALATA DI PATATE
Patate lesse con la buccia g 200; Acciuga sotto sale 1; Capperi tritati g 20; Timo tritato 1 rametto
PER LE CIME DI RAPA
Cime di rapa g 500; Olio extravergine di oliva qb; Aglio 1 spicchio; Peperoncino qb; Guance di vitello; (da g 200 l’una) 4 Pomodori ramati kg 1; Vino bianco g 250 Carota 1; Cipolla 1; Sedano 1 costa; Olio extravergine di oliva g 100; Sale qb;

Utensili
Casseruola di ghisa; Coppapasta cilindrici; Setaccio a maglie fini

Preparazione

1. Mondate e tritate sedano, cipolla e carota, poi soffriggeteli con un filo
d’olio in una casseruola di ghisa. Aggiungete le guance di vitello e, a fuoco
allegro, fatele rosolare; quando saranno dorate, salate e sfumate con il vino
bianco. Unite i pomodori precedentemente frullati e fate cuocere a fiamma
bassa per circa 4 ore. Poi lasciate raffreddare a temperatura ambiente.
2. Estraete la carne dalla casseruola, raccogliete il fondo di cottura e passatelo
attraverso un setaccio a maglie fini. Rimettetelo sul fuoco, lasciandolo
ridurre a una salsa di consistenza mielosa. Salate e tenete in caldo.
3. Per l’insalata di patate, sbucciate le patate appena lessate, fatene una dadolata,
ponetela in una terrina e conditela con l’acciuga tritata, i capperi e il
timo. Distribuite quest’insalata di patate all’interno di piccoli coppapasta
cilindrici (di 3 centimetri di diametro circa) compattando e premendo leggermente.
Tenete in caldo.
4. Pulite le cime di rapa, asciugatele e saltatele per pochi secondi in una padella
con olio, aglio e un pizzico di peperoncino. Poi distribuite anche queste
all’interno di piccoli coppapasta cilindrici, compattando e premendo leggermente.
Tenete in caldo.
Finitura
Riscaldate le guance di vitello e impiattatele, nappandole con la salsa del fondo
di cottura. Accompagnate con l’insalata di patate e le cime di rapa appena
sformate dai coppapasta.

Agnello fritto con pomodoro grigliato in agrodolce


Ingredienti
Carré di agnello (da circa 600 g) 1; Farina 00 g 100; Uova intere 2; Pan grattato g 250; Rosmarino 1 rametto; Timo 1 rametto; Olio di semi di arachide (per friggere) g 500; Sale qb; Pomodori 3; Olio extravergine di oliva g 40; Aceto di vino bianco g 20

Preparazione

1. Realizzate un trito di timo e aghetti di rosmarino; incorporatelo nel pan
grattato.
2. Ripulite il carré di agnello e porzionatelo a costolette. Dopo averle salate,
passatele prima nella farina, poi nelle uova sbattute e infine nel pan grattato
aromatizzato.
Finitura
Friggete le costolette di agnello in abbondante olio di arachide bollente e servitele
con dei pomodori grigliati, conditi con una vinaigrette di olio e aceto
bianco
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
 
un post a tavola
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» si può spostare un post in una sessione diversa?
» Quale tavola per impastare??????
» ...e ora si taglia!
» AUGURI EMANUELA!!!
» Postepay & svezia

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Oceano :: Da Donna a Donna :: cucina-
Andare verso: